Franco Comploj
Wood carvings manufactory since 1929

Flying angels

Who does not know the little naked cherubs who hover on altars and columns in all the Baroque and Rococo churches of the Alps, look at visitors and seem about to play a piece with their instrument? Thanks to the Franco company you can embellish your home with four different models, finding each one a special place from which to be inspired and cheered.
Chi non conosce i piccoli putti nudi che si librano su altari e colonne in tutte le chiese barocche e rococò dell'arco alpino, occhieggiano ai visitatori e sembrano sul punto di suonare un pezzo con il proprio strumento? Grazie alla ditta Franco potrete abbellire la vostra casa con quattro diversi modelli, trovando a ciascuno un posto speciale dal quale lasciarvi ispirare e allietare.


The naked cherubs, covered only by a sheet, are available in 11 cm and 18 cm sizes. As in the Baroque version, the cherubs are accompanied by mandolin, flute, violin and trumpet, thus giving life to a joyful group of musicians. The sheets in the larger version (18 cm) for the colored models are available in different colors while in the 11 cm version they are gilded.

A very particular putto is the one with open arms (1290), as a silent symbol without musical instruments of meditation for us contemporaries. It is the official representation of the putto by Michael Feichtmayr (1709-1772) kept in the Benedictine abbey of Ottobeuren.
I puttini nudi, coperti solo da un lenzuolino, sono disponibili nella misura da 11 cm e da 18 cm. Come nella versione barocca, i putti sono accompagnati da mandolino, flauto, violino e tromba, dando vita così a una gioiosa schiera di musicisti. I lenzuoli nella versione più grande (18 cm) per i modelli colorati sono disponibili diversi in colori mentre nella versione da 11 cm sono dorati.

Un putto davvero particolare è quello con le braccia spalancate (1290), quale simbolo silenzioso e senza strumenti musicali di meditazione per noi contemporanei. È la rappresentazione ufficiale del putto di Michael Feichtmayr (1709-1772) custodito nell'abbazia benedettina di Ottobeuren.